Cravatta: come indossarla con stile

Buongiorno carissimi come va? Finalmente inizio a
scrivere con costanza, non pensavate mica che vi avessi
abbandonati? L’altro giorno sfogliando una rivista di moda mi sono accorta, di quanto una parte della moda giochi ad “umiliare” lo stile maschile trasformando la potenziale gradevolezza estetica in una mera caricatura. L’argomento del mio post di oggi è la cravatta e leggendo questo articolo troverete alcuni preziosi consigli su come imparare a indossarla con stile.

La cravatta: un accessorio estremamente sofisticato

Non vorrei sembrare una nostalgica del tempo che fu ma ogni tanto mi mancano quegli uomini che di stile e eleganza ne facevano un vanto, un tratto
distintivo. Quando le giacche, le camicie e soprattutto le cravatte erano
scelte con una premura certosina. Perché l’abito non fa il monaco ma come ripeto spesso lo stile è un’espressione della propria personalità.

Come ho avuto modo di studiare negli ultimi tempi, la cravatta è un accessorio molto antico i suoi natali risalgono alla Guerra dei trent’anni(1618-1648), quando dei  soldati mercenari croati della Frontiera militare croata in servizio in  Francia, indossando i loro tradizionali piccoli foulard annodati, suscitarono l’interesse dei parigini.

A causa della lieve differenza di pronuncia tra la parola croata per”croati”, hrvati, con la corrispondente  francese croates, quel particolare foulard prese il nome di cravatta (cravatte in francese).
Anche Luigi XIV cominciò a indossare una cravatta di pizzo intorno al 1646, all’età di sette anni, e la trasformò in un accessorio di moda per la nobiltà francese.

Questo nuovo accessorio diede inizio a una vera e propria tendenza e si sa che la Francia è da sempre all’avanguardia in questo campo.

Cravatta: accessorio funzionale

Oggi la cravatta è un accessorio “funzionale” perché nasconde la fila
dei bottoni della camicia e si conferma come un tratto
caratteristico dell’appartenenza a determinati settori lavorativi, ad
esempio non si può entrare nel senato italiano senza indossare la cravatta.
Il volume del nodo della cravatta deve essere sempre proporzionato al viso di chi la indossa così come il collo della camicia e il revers. Inoltre la cravatta deve avere almeno un tono minimo di contrasto con la camicia indossata, il ton sur ton è banale e di cattivo gusto.
Ad ogni tipo di cravatta si abbina un nodo diverso e essa, come vi ho spiegato prima, va ad abbinarsi alla giacca e alla camicia.

I nodi della cravatta possono essere più di 85, tra i più importanti abbiamo:
Four-in-hand: quattro passaggi, il nome deriva dall’omonimo
Club londinese de lXIX secolo.
Mezzo Windsor: sei passaggi: è una versione meno corposa del Windsor
St. Andrew: sette passaggi, questo particolare nodo fa sporgere leggermente la cravatta dal collo primadi ricadere sul petto.
Windsor: otto passaggi, divenne popolare negli anni ’30 quando il duca di
Windsor cominciò a prediligere nodi piuttosto voluminosi.
Balthus: nove passaggi, un nodo veramente grande, ideato dall’omonimo
pittore surrealista del Novecento.

Se siete alla ricerca di una bella cravatta dovete ben sapere che esse si distinguono in:
Tinta unita: sono caratterizzate da un unico colore.
Righe: spesso definita Regimental
A puntini: a una tinta unita vengono applicati puntini a contrasto
Fantasia: Possono riportare disegni vari, come luoghi o oggetti famosi, a discrezione dello stilista.

I tessuti

Per quanto riguarda la fattura la cravatta può essere cucita interamente a mano, a macchina con rifiniture a mano e interamente a macchina, ovviamente una cravatta realizzata interamente a mano da una sartoria avrà un costo più elevato ma alta sarà anche la qualità del tessuto e delle rifiniture. E’ bene ricordare che il tipo di tessuto della cravatta deve richiamare sempre quello della camicia e della giacca, quindi una cravatta in raso non si abbinerà mai a della lana ruvida e così via.

 

Ora che siete in possesso di tutti questi preziosi consigli imparerete a indossare la cravatta con stile e disinvoltura.
Come vi piace indossare la cravatta?
Scrivetemelo!
Se vi è piaciuto questo articolo basta fare click su ( +1 )
Baci

Cravatta,

Cravatta,