Saldi: i consigli d’oro per evitare le truffe

Saldi,

Buongiorno carissimi come è iniziato il nuovo anno? Vi sentite carichi? Io come vi avevo promesso niente buoni propositi ma piccoli obiettivi, questo è l’anno della svolta, me lo sento.
Finalmente sono iniziati i saldi urge per me un giro di shopping! Avete già deciso cosa acquistare? Siate intelligenti nei vostri acquisti e imparate soprattutto a far valere i vostri diritti in qualità di clienti.

Quella di oggi è una mini “guida” con alcuni consigli utili per evitare brutte sorprese nel delicato periodo dei saldi.

Saldi: cosa acquistare e cosa no

Io penso che con poco ci si può vestire molto bene, bisogna imparare a mischiare, a mixare i capi. E’ importante tenere conto di quali capi avete bisogno e dlla qualità dei tessuti.
Allora la “regola” che vi propongo io è quella del 4 + 1: cioè acquistare, durante i saldi, quattro capi di abbigliamento basici più un pezzo, estremamente di tendenza, che io chiamo “jolly”.
Acquistare 4 capi di abbigliamento basic e di ottima qualità, potrebbero sembrarvi una spesa più o meno grande, ma in realtà si configurano come un investimento a lungo termine, perchè diciamocelo sono abiti che sfrutterete tantissimo sia in inverno che in estate.
Tra i cinque capi di abbigliamento basic io conto:

– un tubino nero che sia di qualità medio-alta, parlando in termini di vestibilità e qualità dei tessuti e quindi non solo di griffe, potete sceglierlo come volete e soprattutto a seconda del vostro corpo e cioè se avete un fisico a forma di mela, pera, clessidra e via dicendo. L’abito deve vestirvi bene e deve essere possibile sfruttarlo in svariate occasioni.

-Una borsa capiente e di ottima qualità, che sia una city bag o un bauletto, in questo caso è il vostro gusto che fa la differenza. Una borsa da utilizzare 24h al giorno, tra i colori che mi permetto di consigliarvi vi sono il nero,il beige e il marrone, che andranno sempre.

-Un cappotto, sceglietelo in base alla possibilità di valorizzare la vostra fisicità, sceglietelo senza troppi fronzoli e quindi semplice da abbinare con tutto, ma non banale e soprattutto sceglietelo caldo. Scegliendolo di colore neutro potrete sfruttarlo tantissimo in termini di tempo e reinventarlo continuamente grazie agli accessori.

-Un paio di pantaloni che vestano veramente bene. Non voglio fare un discorso che riguarda i brand, ma chi è piccolino di statura come me sa come sia veramente complicato trovare un pantalone che vesta bene. L’ idea è quella di trovare un pantalone che vi salvi il look in qualsiasi caso, quindi badate bene ai tessuti ma soprattutto alla vestibilità. Provate provate e provate.

Ora passiamo al jolly o il più uno, che sarà mai? Il pezzo jolly è quell’ accessorio sovversivo o eccentrico che vi rinnoverà il look a tempo indeterminato, oppure  è quel’accessorio che volevate da tanto tanto tempo e stavate mettendo i soldi da parte per acquistarlo, questo è il momento per farvi avanti. Che sia una scarpa dal design molto particolare o una borsa di cui vi eravate innamorate sta a voi scegliere. L’unico appunto da fare è che spesso il lusso non va in saldo a meno che non si tratti di vendite private o outlet.

Un’ altra regola fondamentale è quella di fissare un budget prestabilito in modo da non far piangere il portafogli o la carta di credito.

Saldi: come non farsi fregare
Ora vi do invece alcune dritte per non farvi fregare per quanto riguarda l’acquisto diretto di merce in saldo in un negozio reale:

-State attenti al cartellino, se la percentuale di sconto vi sembra strana o non congrua all’ esatto valore del capo di abbigliamento è vostro diritto chiedere chiarimenti al negoziante.

-Controllate le buone condizioni del capo di abbigliamento e in caso di difetti chiedete o la risoluzione del contratto, se già avete acquistato o la riduzione del prezzo.

-Secondo le normative vigenti in Italia la merce in saldo deve essere stagionale, i cosiddetti capi “alla moda” devono essere in saldo

-Se alla cassa il negoziante esegue uno sconto o pratica un prezzo diverso da quello esposto fate intervenire la polizia municipale in quanto siete in diritto di farlo

-Chiedete al negoziante se esegue il cambio degli abiti e in quali modalità.

Se siete stati vittima di un raggiro contattate associazioni che difendono i diritti dei consumatori quali Altroconsumo, Federconsumatori o la Guardia di Finanza.

Avete mai fatto buoni affari durante i saldi?

Se vi è piaciuto questo articolo fate click su (G+1)
Baci

Saldi, saldi,

Bollito pipe : la pipa non è mai stata così elegante

Bollito pipe, la pipa,

Buongiorno ragazzi ormai è quasi Natale e vi auguro di passarlo in maniera
serena e gioiosa con chi piu amate. Avete ricevuto quello che desideravate?
Anche se c’è da dire che i migliori doni, quelli che restano nel cuore, spesso non sono materiali e non hanno prezzo.Ogni vi parlo di un accessorio maschile molto particolare ormai entrato a  far parte della leggenda ossia la pipa.
Non storcete il naso ma la pipa è uno degli accessori piu amati fino a poco tempo fa, ma che ora sta tornando prepotentemente alla ribalta.

Molti mi chiedono perchè ho iniziato a parlare anche di accessori maschili, in verità ho iniziato per rispondere alle tante domande che mi venivano spesso poste sui vari social network.

La pipa è un accessorio che nell’immaginario collettivo appartiene a uomini di classe e dalla personalitá eccentrica, avete presente Sherlock Holmes?

La pipa: un accessorio con una tradizione antica

La pipa è un oggetto che ha una tradizione antichissima.
Essa in origine non veniva usata per il tabacco ma solo come attrezzoper il fumo, come testimoniano gli scritti pervenutici di Erodoto,Plinio il Vecchio e Plutarco. Infatti fumare aveva un valore simbolico e religioso, per i Greci e i Romani tra era tradizione aspirare con le narici tramite dei “cannelli” il fumo di alcune erbe.
Le prime pipe come le intendiamo noi oggi erano quelle diffuse tra le tribù indiane del Nord America. Le pipe rappresentavano uno degli aspetti della
vita di queste popolazioni. Le più conosciute pipe indiane erano i calumet della pace usati dalle tribù Sioux.
In Europa l’uso della pipa si diffuse inizialmente tra i marinai spagnoli e alla metà del sedicesimo secolo si diffuse anche in Portogallo, Francia e Olanda.

Oggi la pipa è il marchio di fabbrica di uomini affascinanti che si rifanno al vintage anche nell’abbigliamento, che amano curare la barba e prediligono un look ricercato dove abbondano gilet dal taglio sartoriale e tessuti ricercati come il tweed.

Dove posso acquistare una pipa artigianale?
Bollito Pipe è lo shop dedicato al mondo della pipa. La pipa firmata Bollito Pipe è un prodotto completamente artigianale, made in Italy, costruito in radica pregiata (erica arborea), che si presta ad un duplice utilizzo: “indossata” come un accessorio piuttosto che apprezzata da puristi che gustano tabacchi naturali per esaltarne aromi pregiati differenti.
Sul SITO Bollito Pipe è possibile acquistare le pipe delle marche più prestigiose un ampio assortimento di accessori.

Che cosa ne pensate della pipa? Lo trovate un accessorio elegante?
Scrivetemelo!
Baci

Bollito pipe, la pipa,

Bollito pipe, la pipa,
Buzzoole

Eurospin Le Nostre Stelle: la gastronomia a portata di mano

Eurospin, Eurospin Le Nostre Stelle,

Buongiorno ragazzi come va? Ormai il Natale e’ alle porte c’è poco da fare, come vi dicevo in un  post di qualche giorno fa l’atmosfera natalizia tira fuori la cuoca
che è in me. Come spesso vi racconto  su questo blog amo tutto ciò che è bello, cerco di esprimere la mia idea di  bien vivre. Oltre al countdown natalizio inizia anche il toto cenone, cosa mangeremo, cosa cucineremo? Poi per noi italiani, poi,  il cibo è una cosa sacra.

Cucinare è un atto d’amore e quale migliore
festività se non quella Natalizia per sfidarsi in cucina con deliziosi manicaretti?
Mi ricordo che da piccola assieme a mia madre e mia nonna davo sempre una mano, allegramente. Di mia nonna in cucina  per quelle volte che cucinavamo assieme, le sue manie, i suoi modi di fare così simbolici, i suoi tempi carichi di significato.

Io sono cliente Eurospin da anni e posso testimoniare che è uno dei pochi marchi che non mi ha mai deluso. Nei supermercati Eurospin ho trovato sempre cortesia
e pulizia, innovazione e prodotti sempre nuovi e gustosi.
Eurospin ha  investito sul gusto e sull’eccellenze gastronomiche italiane, infatti, sui suoi scaffali da un pò di tempo è possibile trovare  “Le nostre stelle” una linea di prodotti di alta qualità dal gusto prelibato per soddisfare le richieste dei clienti più esigenti.
La linea “Le nostre stelle” è così composta:  Pascoli Italiani, Land, Tre Mulini, Bottega del Gusto, Dolciando, Delizie dal Sole, e altri ancora, potete scoprire di più su questa linea qui

Ma non è finita qui perchè Eurospin si è avvalsa della collaborazione dello chef Marcello Leoni che ha cucinato alcune ricette ricercate utilizzando i prodotti della linea Le Nostre Stelle.
E quando arte culinaria e eccellenze gastronomiche si uniscono non può che trattarsi di un successo.

Le ricette dello chef Marcello Leoni realizzate con i prodotti della linea #lenostrestelle
sono un connubio di gusto e modernità che strizza l’occhio anche alle tradizioni natalizie.

Io ho avuto modo di leggere le ricette in anteprima perciò ve ne propongo qualcuna:

 

Eurospin, Eurospin Le Nostre Stelle,Millefoglie di Prosciutto di San Daniele DOP
Le Nostre Stelle con crema di patate, insalata e
Pecorino Fiore Sardo DOP Le Nostre Stelle

Ingredienti: 300 g di Pecorino Fiore Sardo DOP
Le Nostre Stelle
200 g di Prosciutto di San Daniele DOP
Le Nostre Stelle
500 g di patate
1 cespo d’insalata iceberg
1 scalogno tritato
1 foglia di alloro
Sale e pepe q.b.

Lavare e bollire le patate portandole a cottura. Pelarle e tagliarle
a pezzetti. Tritare lo scalogno. In una casseruola con un filo di olio
extra vergine di oliva far soffriggere lo scalogno e la foglia di alloro.
Aggiungere mezzo litro circa di acqua e portare a ebollizione.
Aggiungere le patate, sale e pepe, e frullare il tutto con l’aiuto
di un robot da cucina. Adagiare in una teglia un po’ di crema di
patate, ricoprendola successivamente con uno strato di foglie
d’insalata iceberg opportunamente lavate e mondate. Grattugiare
grossolanamente sull’insalata il pecorino e ricoprire con altre foglie
d’insalata. Ripetere l’operazione aggiungendo negli strati successivi
anche il prosciutto. Proseguire fino ad arrivare a riempire la teglia.
Gratinare in forno a 200° fino a che lo strato superiore non è ben
abbrustolito.  

 

Eurospin, Eurospin Le Nostre Stelle,Capesante al guanciale croccante in
preparato di Mirtilli Neri BIO Le Nostre Stelle

Ingredienti: preparato di Mirtilli Neri BIO
Le Nostre Stelle q.b.
16 cappesante
8 fette di guanciale stagionato
2 indivie
1 noce di burro
Sale e pepe q.b.

Tagliare l’indivia a listarelle sottili, cucinarla nel burro fino a quando non
sarà dorata. Cucinare le fette di guanciale in una pentola antiaderente
al fine di renderle croccanti. Scottare le capesante sempre in una
pentola antiaderente lasciandole rosate all’interno. Nei piatti di portata
mettere 4 ciuffetti di indivia brasata ed adagiarvi sopra le 4 capesante,
spezzettarvi sopra il guanciale. Irrorare il tutto a piacere con il preparato
di mirtilli neri BIO.

Potete scoprire tante altre ricette cliccando qui.

Voi cosa ne pensate di Eurospin? Avete mai acquistato lì? Come vi siete trovati?

Scrivetemelo qui o sui social! Baci

Presentazione di Marcello Leoni from Eurospin Italia on Vimeo.